La Felicità non ha volto ma spalle

Posted on
La Felicità non ha volto ma spalle

Maurizio Martini osserva i territori urbani, constatando quanto egocentrismo ci sia a dispetto della Natura che invece è luogo di origine e rinascita.

▪️ La mostra fa luce su un racconto fotografico sublime che mette in discussione il rapporto dell’uomo nel suo contesto urbano, emozionale e naturale. “Sembra – come scrive Caterina De Fusco – che la tecnologia ed il desiderio di un controllo “apparente” delle cose abbiano definitivamente allontanato l’essere umano dalla conoscenza che ciascuno di noi è figlio dell’Universo, comune luogo di origine e di ritorno. Martini che, in un primo momento ha puntato l’obiettivo sulle nostre finte “fortezze” costruttive mira ora a dialogare con una realtà di natura: il mare, mutando registro comunicativo.

Pali conficcati nella sabbia costruiscono palizzate ma, attraverso i tronchi, all’uomo rimane l’opportunità di stare in contatto con il cielo. Toccare a piedi nudi la sabbia permette alla testa di essere in relazione con la vastità della volta celeste, infatti la congiunzione tra cielo e terra apre lo sguardo verso l’infinito integrando alto e basso.

▪️ Essere in contatto con la Terra, essere in armonia con essa può far sorgere innamoramento, il mare respira, il mare si muove costantemente ed il suo moto ondoso non è altro che manifestazione di quel respiro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *